il lunedì delle palpebre cascanti – quattordicesimo articolo

E’ ancora lunedì, il giorno più odiato dai più, anche da me, non pensate… stamattina mi sono svegliata al solito con gli occhi gonfi come una zampogna e le palpebre cascanti, più cascanti delle fronde di un larice.

e sapete non so voi, ma a me questa “destrutturazione” è venuta così tutto di un botto.

Nel giro di una settimana le mie palpebre sono diventate arse, secche rugose e cascanti! quasi da un giorno con l’altro non ho più potuto mettere l’eye liner (dopo 20 anni di onorata carriera – si ho iniziato a 15 anni a usarlo, per l’esattezza il primo giorno di prima superiore, giurando a me stessa che l’avrei sempre messo e saltando credo una 20ina di giorni in 20 anni).

non sono una bellezza, mai stata, quindi ho sempre cercato di valorizzarmi il più possibile, ora mi sto lasciando un pò andare, soprattutto da quando il mio lavoro mi mortifica quotidianamente, ma questa è un’altra storia

self-portrait-640754_960_720

Ovviamente sono corsa ai ripari, ho 36 anni mica 50 cribbio!

ecco come:

  • esercizi per rafforzare la muscolatura degli occhi (li faccio in macchina mentre vado al lavoro e qualche volta quando sono a casa) http://www.palpebrecadenti.com/esercizi/
  • litri e litri di te ingurgitati ogni giorno (per bere insomma, perchè solo l’acqua mi disgusta)

va un pò meglio, ma, solo un pò, infatti dipende molto dai giorni.

Ad esempio stamattina ero un disastro. quando capita  mi tocca truccarmi solo con un leggero smokey primo perchè la linea dell’eye liner è sommersa dalla palpebra e secondo percè la palpebra è così incartapecorita che il tratto del trucco sembra un encefalogramma…

Questa cosa è molto triste, cioè davvero non è facile perdere la propria giovinezza così di punto in bianco, poi gli occhi che sono lo specchio dell’anima… ma d’altronde con l’estate che ho passato sapevo che avrei avuto pensatissime conseguenze sulla mia salute e questa è solo una delle tante… ma insomma poteva andare peggio con quello che si sente in giro.

 

E sapete dicono che scrivere fa bene, ed è vero. Perchè solo adesso, solo ora mentre scrivo mi redo conto del significato di questa mia trasformazione fisica.

I MIEI OCCHI SONO LO SPECCHIO DELLA MIA ANIMA.

Ma quanto è vero?????

la mia anima è stanca, cadente, quasi morta. e cosi apaiono i miei occhi, come quelli di una vecchia, una vecchia che non ha più voglia, di lottare, di soffrire, di darsi pena.

ecco il perchè di questo invecchiamento precoce, i miei occhi me lo stanno dicendo, mi dicono quello che già so, trasudano la mia stanchezza.

Precedente Colloquio di lavoro - tredicesimo articolo Successivo guadagnare online - quindicesimo articolo